inner

DIVINA ‘900

Divina ‘900 è l’omaggio che Masasette vuole rendere alla Costiera Amalfitana, la ‘Divina’, raccontando con immagini lo spaccato di un passato ancora presente, fatto di usi e costumi diventati nel tempo simbolo dell’intero territorio.

I paesaggi, i pescatori, gli artigiani, i limoni, gli asinelli e soprattutto la tanta gente comune che ha contribuito a preservare e tramandare nel tempo l’anima di questa PERLA, preziosa ed unica, che è la Divina.

L’occhio magico del fotografo Scala di Praiano, storico ammiratore ed interprete della Costiera, vi trasporteranno nei LUOGHI che furono dimora di tanti artisti dell’anima… nei vicoli dove sono nate le ARTI ed i MESTIERI che tutt’oggi trovano splendore….nel MOOD che sempre ha alimentato lo stile di vita della Costiera ed il nostro territorio ….nella DOLCE VITA che ha creato una sottile linea di unione tra la Hollywood degli anni ’60 è quella dei tempi moderni.

Scoprirete, allora, che la Costiera è davvero un luogo dove il Tempo con il Suo tempo, lo Spazio con i Suoi confini concedono all’Anima e al Cuore il giusto ristoro; un luogo che Johann Wolfgang Goethe immortalò, nel suo “Viaggio in Italia”con questi versi:

 

 

Conosci tu la terra dove fioriscono i limoni,

gli aranci dorati rilucono fra le foglie scure,

una mite brezza spira dal cielo azzurro,

il mirto immoto resta e alto si erge l’alloro?

La conosci tu, forse?

Laggiù, laggiù

Con te, amore mio, io vorrei andare.

Conosci tu la casa? Il tetto riposa su alte colonne,

risplende la sala, la stanza riluce,

e si ergono statue di marmo che mi guardano:

Che cosa ti hanno fatto, povera bambina?

La conosci tu forse?

Laggiù, laggiù

Con te, mio difensore, io vorrei andare.

Conosci tu la montagna e il suo sentiero fra le nuvole?

Il mulo cerca il suo cammino nella nebbia;

Nelle grotte vive la stirpe antica dei draghi;

Si sgretola la rupe e su di essa si chiudono i flutti,

La conosci tu, forse?

Laggiù, laggiù

E’ il nostro cammino; andiamo, padre mio!